RivaViva e KeChic

Mar 20, 2024

Una partnership all’insegna della creatività e del calore del continente africano quella tra la sartoria sociale KeChic e la linea di arredamento naturale ed ecosostenibile RivaViva. Cuscini, copriletto, runner, copripiumoni che uniscono i colori caldi e accesi delle stoffe wax alla migliore tradizione artigianale italiana. Con un occhio attento all’ambiente e alla sostenibilità sociale.

Una nuova linea Home fatta per unire culture e passioni presentata per la prima volta durante la Design Week 2022. Nata dall’incontro tra quattro persone che portano ognuna la propria formazione e la propria storia. Cristina Riva, architetto e Ceo di Riva, nei primi anni ’90 combina le conoscenze del legno massello frutto della tradizione artigiana dell’azienda di famiglia con una filosofia green, attenta alla salute delle persone e al benessere del pianeta: il risultato è una nuova linea di arredi ecosostenibili; Sonia Abbondihomestylist, sempre aggiornata sulle ultime tendenze, capace di dare forma e colore ai desideri del cliente; Valeria Zanoni, professionista della comunicazione innamorata dell’Africa che insieme a Cheick Diattara, sarto professionista formato al Centre Handicapé di Dakar, ha dato vita al marchio KeChic.

Cuscini, runner e copriletti che portano il calore e il fascino dell’Africa in salotto e in camera da letto. Pezzi unici, realizzati in maniera sostenibile e con la forza magica del “fatto a mano”; fantasie che vibrano di energia positiva ed evocano atmosfere lontane. Il tessuto wax con la sua storia affascinante – nato in Olanda, viene prodotto nell’Isola di Java, poi attraversa l’Africa e si diffonde nel mondo – il suo linguaggio simbolico e le sue policromie, si combina con ogni stile e ambiente caratterizzandone fortemente lo spazio. Nessun wax passa mai inosservato: dai più naturalistici e decorativi, ispirati all’oriente, con intrecci floreali o animali sacri, a quelli più ironici e pop con oggetti e icone della modernità.

Tutti gli accessori sono realizzati senza trascurare il rispetto dell’ambiente, perché arredare casa sia un atto d’amore non solo verso se stessi, ma anche verso il pianeta. Quindi niente sprechi, reimpiego dei ritagli di lavorazione, pezzi unici per ridurre il magazzino, oltre a quell’attenzione per i più fragili che porta la firma della sartoria KeChic – dove ogni pezzo viene cucito da persone in difficoltà, in particolare sarti stranieri, rifugiati o disabili. La linea nata dalla partnership tra RivaViva e KeChic promette una casa gioiosa e accogliente, che trasmette energia, buon umore e vitalità.

Loading...